Telemann virtuoso

“Le opere troppo artificiali sono apprezzate solo dagli esperti, mentre ciò che è naturale piace a moltissime persone, compresi, spesso, anche gli esperti; ciò che è naturale deve essere preferito
e camminare, mano nella mano, con lʼArte”.

(G.Ph. Telemann, dalla Selbstbiographie, redatta ad Amburgo nel 1739 e inserita dallʼamico Johann Mattheson nel Grundlage einer Ehrenpforte nel 1740)

In questo Progetto concertistico e discografico il Rossignolo presenta una scelta di opere strumentali di Georg Philipp Telemann (Magdeburgo, 1681 – Amburgo, 1767) dal carattere particolarmente virtuosistico e brillante. Questa caratteristica è molto presente in un compositore che, forse anche per il fatto di aver avuto unʼatipica formazione da “autodidatta”, si allontana da una tecnica puramente contrappuntistica, speculativa e aristocratica e sʼimmerge in un approccio compositivo caratterizzato dagli affetti e, diremmo anche, dagli effetti.

Una vivacità estrema nel trattare e trasformare le cellule melodiche, lʼamore per la fresca inventiva delle melodie popolari, una destinazione più pubblica e meno “di corte” fanno di questo repertorio uno spettacolo accattivante, un quadro sempre cangiante ed emozionante. Eʼ musica che fonde davvero tutti gli stili (come teorizzato e incoraggiato da J.D.Heinichen in Neue Erfundene und Gründliche Anweisung), che prelude al nuovo stile galante e a cui si aggiunge una sapienza e una naturalezza nellʼamalgama timbrico e di condotta delle voci dovuto alla grande perizia che Telemann aveva raggiunto nella pratica personale di un numero sbalorditivo di strumenti.

Tanto è vero che Telemann stesso raccomanda di dare “ad ogni strumento ciò che può sostenere, così lʼesecutore avrà piacere e tu (ascoltatore) sarai ben dilettato”; e ben sappiamo anche quanto il compositore di Magdeburgo abbia esplorato le possibilità degli strumenti fino ai loro limiti tecnico-espressivi mai dimenticando la loro natura e la loro “voce”. In un gioco musicale di tesi e antitesi tra stile francese e stile italiano si potrebbe dire che Telemann elabori una sintesi di un suo stile, quindi tedesco, sempre però permeato da tutto ciò che lo potesse arricchire e modificare.

Troviamo davvero in questa musica, ogni volta che abbiamo la gioia di eseguirla, un sovrapporsi continuo di ragione ed emozione… quanto la profondità della ragione ci emoziona, tanto lʼemozione condiziona la ragione.

Martino Noferi

Scheda:

GEORG PHILIPP TELEMANN (1681 –1767)

Telemann virtuoso

Concerto TWV 52:e1 à Flauto dolce, Flauto traverso, 2 Violini, Viola, Violone et Cembalo

SonataTWV42:d10 à Flauto dolce, Violino e Basso continuo

Essercizii Musici, Solo 10 TWV 41:C 5 Flauto dolce e Basso continuo

Sonata 42:e 6 à Flauto dolce, Flauto traverso, Cembalo

Essercizii Musici, Solo 2.do TWV 41:D 9 Flauto traverso e Basso continuo

Musique de Table Premiere Production, Quatuor TWV 43:G 2 Violino, Flauto traversiere, Oboe e Fondamento

 

IL ROSSIGNOLO
con strumenti originali

Flauto dolce / Recorder – Oboe: Martino Noferi
Flauto traverso / Transverse flute: Marica Testi
Violino / Violin: Stefano Barneschi
Violino / Violin: Chiara Zanisi (* Violino II in Concerto TWV 52:e1)
Viola / Alto: Agostino Mattioni (* Concerto TWV 52:e1)
Violoncello / Cello: Jean-Marie Quint
Violoncello / Cello: Ludovico Takeshi Minasi (* Concerto TWV 52:e1) Contrabbasso / Double bass: Amerigo Bernardi (* Concerto TWV 52:e1) Clavicembalo e direzione / Harpsichord and musical direction: Ottaviano Tenerani

Recensioni:

A demonstration CD of all qualities which set Georg Philipp Telemann on a par with his illustrious contemporaries Bach and Handel: melodic invention, intricate counterpoint, blazing virtuosity and above all a true expression of feeling. This disc presents a selection from Telemann’s works in different genres: two concertos for recorder and traverse flute, two sonatas in minor keys, solos from the delightful Essercizii Musici and the famous quartet from Musique de Table. The ensemble Il Rossignolo honours the qualities of their name giver: the nightingale’s beauty and virtuosity are the inspiration for their performances. Using original instruments, their masterful interpretations are grounded in extensive historical research, leading to an informed and compelling performance.

Arkiv Music

Eccezionale! …Un quadro sempre cangiante ed emozionante…
Giuseppe Pennisi – Musica – CD 5 STELLE

Il CD più originale dell’anno. Non deve mancare in nessuna discografia!
Artribune