Alessandro Scarlatti, Concerti e SInfonie

Ci sono nomi della storia musicale che rimangono ancora oggi lontani dalla comune conoscenza degli ascoltatori. Uno dei casi più eclatanti rimane proprio quello di Alessandro Scarlatti (Palermo, 1660 – Napoli, 1725), padre del forse più celebre Domenico ed autore di un catalogo pressoché sterminato.[…]
Per comprendere a fondo Alessandro Scarlatti autore di musica strumentale non si può prescindere dalla raccolta conservata alla Diözesanbibliothek di Münster, nel fondo che riunisce la ricchissima biblioteca musicale messa insieme dall’abate Fortunato Santini (1778-1861): sono pagine per flauto e varie combinazioni strumentali, che per la prima volta vengono ora presentate integralmente in questa registrazione.

Scheda:

Concerto in Re maggiore a flauto due violini e basso
Concerto in Fa maggiore a tre flauti e basso
Concerto in La maggiore a flauto due violini e basso
Sinfonia in Sol maggiore a flauto e basso
Concerto in Fa maggiore a flauto due violini e basso
Sonata in sol minore a due flauti e basso
Sinfonia in Fa maggiore a flauto e basso
Concerto in La maggiore a due flauti, due violini e basso

IL ROSSIGNOLO, su strumenti originali
MARTINO NOFERI, flauto
OTTAVIANO TENERANI, clavicembalo e direzione musicale

Marta Caneva, flauto
Federico Maria Sardelli, flauto
Marica Testi, traversiere
Fabio Cafaro, violino
Maria Paola Cavallini, violino
Raffaele Sorrentino, violoncello
Francesca Chiocci, viola da gamba
Carlo Pelliccione, contrabbasso
Gian Luca Lastraioli, arciliuto, chitarra, mandolino
Giangiacomo Pinardi, tiorba, chitarra

Luogo di registrazione: Chiesa di Santa Maria a Petroio (XIV Sec.), Sovigliana  (FI)
Diapason:  LA = 415 Hz
Quartetto in fa maggiore Allegro

Quartetto in fa maggiore Minuet

Concerto in la maggiore Grave

Concerto in la maggiore Allegro

Recensioni:

“Un CD meraviglioso e splendido per perdersi in un sogno di suoni celestiali. Una vera manna per le orecchie. Di più di tali stupendi suoni, per favore”.
Refenda Adrovic – www.klassic.com

L’ensemble italiano Il Rossignolo, sotto la direzione di Ottaviano Tenerani, unisce tutti i pregi che si possono desiderare da un gruppo specializzato nella musica antica: tempi eccezionalmente vivaci che non sono mai legnosi, un suono sempre leggero e pennellato che mai è freddo e vecchio, un attegiamento da ballerini e un gioco di insieme grandioso garantiscono il divertimento per l’orecchio. Qui Scarlatti suona decisamente come ballo, sole e gioia di vivere e riesce a commuovere anche l’ascoltatore più depresso. A questo risultato contribuisce anche l’enorme arte del solista Martino Noferi la cui velocità delle dita e il cui virtuosismo si possono solo immaginare. Non è un solista che rende gli altri dei semplici accompagnatori e questo si sente soprattutto nelle opere per due o più voci (flauti e violini) dove i solisti si confrontano in modo equo, si seguono, si scambiano e si incontrano nell’unisono e il discorso musicale è espresso nella forma più bella.
Nora Burda  –  Yahoo. Classic

Il riconoscimento della grandezza scarlattiana, oltre il notissimo e vastissimo repertorio operistico e vocale in genere, viene ora consolidandosi con l’uscita di un CD prezioso per la finezza interpretativa e per la serietà filologica con cui propone i Concerti e le Sinfonie per flauto, eseguiti da musicisti di grande spessore: il flautista Martino Noferi, innanzitutto, e poi l’ensemble Il Rossignolo, diretto con impeccabile misura da Ottaviano Tenerani. A pubblicarlo un’etichetta dal già convincente e raffinato catalogo come la tedesca CPO. Naturalmente il concetto di sinfonia e di concerto, in questi primi anni e decenni del ‘700, è ancora instabile. Ma concorre a darne una chiara configurazione l’influsso corelliano, ben rilevato in questa incisione, che allarga la nostra conoscenza su un periodo e un repertorio di grande ricchezza storica e musicale.
Roberto FavaroMusica e dischi 

Lo stile strumentale di Scarlatti è simile a quello vocale e gli esecutori rispondono con una “cantabile” e ispirata interpretazione. Noferi mostra una bellissima qualità di suono. I suoi ornamenti sono elaborati ma non spezzano mai il tessuto musicale o la linea melodica. Tutta la registrazione è permeata di un intimo sentire e spesso puoi avvertire il respiro dei musicisti che si preparano ad eseguire le loro frasi.
Johnson – ARG

Il Rossignolo suona su strumenti originali ed è specializzato nell’esecuzione del repertorio italiano del XVIII secolo. Tenerani ne è sia direttore che clavicembalista. La qualità è eccellente, Noferi un vero virtuoso dello strumento e le opere sono chiaramente molto al di sopra della frquente musica di circostanza.
Audiophile Audition

Il gruppo italiano di strumenti storici Il Rossignolo esegue tutti i pezzi con grande brio. Il suo ampio gruppo di basso continuo formato da sei strumenti offre una esecuzione di gran peso e colore. Nel doppio concerto, il flauto dolce di Martino Noferi è affiancato dal flauto traverso di Marica Testi, con interessanti risultati di tessitura. Alto il livello interpretativo de Il Rossignolo.
Christopher Price  – Goldberg

Il Rossignolo è un gruppo che interpreta con estremo buon gusto i pezzi del napoletano, con un attento direttore al cembalo come Ottaviano Tenerani.
Maquetacion

Uno straordinario divertimento!
Concerto